Pasqua a Mottola

Casa delle Famiglie Solidali, Mottola TA - Da giovedì 24 marzo a martedì 29 marzo 

TI INVITIAMO A TRASCORRERE CON NOI 

Giorni di Fraternità (da 0 a 99 anni) 
per vivere insieme la Gioia della Pasqua con la preghiera, il lavoro nell'uliveto, la visita del territorio (Riti della Settimana Santa a Taranto, Matera, Basilica di San Nicola a Bari)....

A 100 anni dalla morte di Charles de Foucauld...
Faranno da sfondo per la riflessione i testi spirituali di fratel Charles de Foucauld 

Charles de Foucauld

Il nostro tutto

(Beato Charles de Foucauld)Il migliore, il vero infinito, la vera pace, sono ai piedi del divin tabernacolo.

Qui non c'è più in immagine, ma nella realtà, tutto il nostro bene, il nostro amore, la nostra beatitudine: c'è tutto il nostro cuore e tutta la nostra anima, il nostro tempo e la nostra eternità, il nostro tutto.

''I non cristiani possono essere nemici di un cristiano, un cristiano e' sempre tenero amico di ogni essere umano''. Queste parole sintetizzano l'ideale d'amore che ha conformato la vita di un piccolo grande uomo, Charles de Foucauld, nato a Strasburgo il 15 settembre 1858. Diventa ufficiale dell'esercito francese. Si converte dopo un avventuroso viaggio di ricerca in Marocco alla vista di un gruppo di musulmani in preghiera. Negli anni del massimo impegno di fratel Charles nel dialogo, come e' accaduto per Gandhi e come accade per tutti i profeti dell'incontro e della tolleranza, viene ucciso il 1^ dicembre 1916. Charles aveva sempre desiderato avere dei discepoli che si unissero a lui, e aveva gia' preparato una bozza di regola per una congregazione. Nel 1916, pero', era ancora solo. Soltanto nel 1936 i seguaci fondano un vero istituto religioso. Oggi la famiglia di Charles de Foucault e' composta da 11 congregazioni e diversi movimenti laicali, presenti in tutto il mondo.

 

Scarica la presentazione: Charles de Foucauld - Apostolato dei laici.pps

 

Per avvisarci: Filippo 3807072337, Maria 3807072338 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (portare sacco a pelo)